Roberto Peruzzo


Web developer freelance, artigiano del codice, sostenitore della filosofia open source e Drupal addicted.

Leggendo (codice) s'impara

Sono convito che leggere il codice scritto da altri sia uno dei modi per imparare nuovi costrutti che ti potranno aiutare in futuro; è come leggere un libro: ti insegna nuovi modi di esprimerti.

Oggi mi è capitato di leggere questo frammento di codice PHP:

$config = new Zend\Config\Config(include 'config.php');

dove il file config.php contiene


<?php 
  return [ 
    'access_key' => 'XXXXXXXXXXXXXXXX',
    'secret_key' => 'XXXXXXXXXXXXXXXX' 
  ]; 

Il codice non è ovviamente commentato, quindi mi è oscuro il perché passare l'include di un file come parametro. Io da perfetto ignorante non avrei mai pensato fosse possible, ma ho la sensazione che non sia una buona pratica. Voi cosa ne pensate?

Quando la pulizia diventa sinonimo di sicurezza

Utilizzare il Drush makefile per gestire dipendenze e patch in progetti Drupal 7

"Aprile, dolce dormire", dice un vecchio proverbio popolare per giustificare quel senso di stanchezza che si è soliti provare durante questo periodo annuale. Il motivo si presume sia legato al tepore di questo mese.

Drupal Dev Days 2018

Ecco la presentazione che mi ha portato a Lisbona.

In questa prima settimana di Luglio sono volato a Lisbona per partecipare ai Drupal Dev Days, uno degli eventi europei più interessanti per chi come me lavora con Drupal. Quest'anno ho avuto il piacere di poter partecipare come speaker per poter condividere alcune mie idee su come risolvere i problemi legati all'inserimento di un nuovo sviluppatore all'interno di un team di lavoro.

Immagazzinare un file CSV nel database di Drupal

Come importare i dati di un file CSV dentro ad una tabella custom di Drupal.

In questo post vedremo come prendere i dati da un file CSV e salvarli dentro una tabella creata ad-hoc all'interno del database della nostra web application fatta in Drupal. Per la lettura e l'importazione dei dati utilizzando lo statement MySQL LOAD DATA INFILE che ci permette di fare tutto in un colpo solo.

Multitheading con Drush

Come aggiornare il path alias di oltre 200K nodi in meno di 30min.

L’anno scorso mi sono trovato di fronte ad un problema alquanto scomodo: ristrutturare gli URL dei contenuti presenti nel sito di un cliente per migliorarne la leggibilità e l’indicizzazione nei motori di ricerca. Tralasciando tutte le questioni inerenti ai redirect 301 da gestire, voglio concentrare questo post sulle performance raggiunte per aggiornare più di 200.000 path alias.